Sanzioni per mancata accettazione dei pagamenti Pos, le novità.
News

Sanzioni per mancata accettazione dei pagamenti Pos, le novità.

L’art. 15, D.L. n. 179/2012, dispone l’obbligo per coloro i quali effettuano attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali di accettare pagamenti anche attraverso carte di debito, credito o altri strumenti elettronici.

Sono obbligati ad accettare i pagamenti elettronici:

  • i commercianti;
  • i prestatori di servizi;
  • gli studi professionali.

Il Decreto MISE 24 gennaio 2014, di concerto con il MEF, stabilisce l’esclusione dell’obbligo in esame soltanto in caso di oggettiva impossibilità tecnica.

 

LE DISPOSIZIONI DEL DECRETO PNRR 2

Il comma 4-bis, art. 15, D.L. n. 179/2012, prevede l’irrogazione di una sanzione nei confronti degli operatori commerciali che rifiutano il pagamento tramite carte di credito, debito o altri strumenti elettronici.

L’art. 18, comma 1, D.L. n. 36/2022 , c.d. “Decreto PNRR 2”, ha anticipato la data di entrata in vigore del regime sanzionatorio in esame al 30 giugno 2022 (originariamente prevista al 1° gennaio 2023).

Le ragioni che hanno portato a tale anticipazione sono collegate all’attuazione di una specifica misura contenuta nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Infatti, come si evince dalla Relazione al Decreto n. 36/2022, la previsione di sanzioni per la mancata accettazione di pagamenti effettuati con carta, si iscrive tra le misure idonee a disincentivare i comportamenti c.d. cash-based e si inserisce in una più ampia strategia di riduzione del contante e promozione di strumenti di pagamento alternativi e digitali.

 

LA SANZIONE APPLICABILE

Secondo quanto disposto dall’art. 15, comma 4-bis, D.L. n. 179/2012, la sanzione applicabile per la mancata accettazione dei pagamenti elettronici è costituita dalla somma di una quota fissa e di una quota variabile, fissate in:

  • € 30 (quota fissa);
  • 4% del valore della transazione per la quale è stato rifiutato il pagamento elettronico (quota variabile).

La sanzione è irrogata a prescindere dall’importo della transazione rifiutata; pertanto, è sanzionabile anche il soggetto che nega al cliente la possibilità di pagare tramite uno strumento di pagamento elettronico un modico importo.

 

 AMBITO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

L’ambito normativo di riferimento del regime sanzionatorio in esame non è quello tributario.

Infatti, il comma 4-bis prevede che per le sanzioni relative alle violazioni in esame si applichino le procedure e i termini previsti dalla Legge 24 novembre 1981, n. 689.

I soggetti preposti all’accertamento della violazione sono:

  • gli ufficiali e agenti di Polizia giudiziaria;
  • gli organi che, in base all’ art. 13, comma 1, Legge n. 689/81, sono addetti al controllo sull’osservanza delle disposizioni per la cui violazione è prevista la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro.

La gestione della procedura sanzionatoria è attribuita al Prefetto territorialmente competente.

A tali violazioni non è applicabile l’oblazione ex art. 16, Legge n. 689/1981, ossia:

  • il pagamento di una somma in misura ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista per la violazione commessa o
  • se più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo oltre alle spese del procedimento;
  • entro il termine di 60 giorni dalla contestazione immediata o, se questa non vi è stata, dalla notificazione degli estremi della violazione.

 

ID POS

ID Bank mette a vostra disposizione una vasta gamma di strumenti che consentono l'incasso presso la sede di vendita, in mobilità ed in maniera virtuale.  La sicurezza e l'affidabilità delle macchine sono i primi requisiti che i nostri device devono garantire.

Entrare in possesso di un POS Igea significa avere flessibilità, sicurezza e trasparenza:

  • Diverse tipologie di device per rispondere al meglio alle esigenze logistiche delle Imprese;
  • Gestione di tutti i principali circuiti di carte di credito e debito nazionali ed internazionali;
  • Riduzione dei rischi.

Inoltre con i nostri device l'impresa può offrire ai propri clienti numerose utilities che consentiranno una valorizzazione del punto vendita ed una maggior fidelizzazione della clientela.

 

Vuoi saperne di più? Contattaci CLICCA QUI